[:it]

Non esiste uno stereotipo di bellezza univoco, che conquista, incanta ed attira chiunque. Sicuramente i media, i social e la pubblicità in generale cercano di convincerti del contrario, proponendoti ogni giorno foto con caratteristiche pressoché simili fra loro, ma questo non significa che quella sia la silhouette perfetta per te.

[su_button url=”https://www.stymage.com/it/” target=”self” style=”default” background=”#ff0000″ color=”#FFFFFF” size=”5″ wide=”yes” center=”yes” radius=”auto” icon=”” icon_color=”#FFFFFF” text_shadow=”none” desc=”” onclick=”” rel=”” title=”” id=”” class=””]Vuoi sentirti più sicura di te stessa? Vuoi imparare ad abbinare i tuoi abiti? Vuoi ottenere uno stile unico? Scegli uno dei nostri servizi [/su_button]

Non esiste una corporatura senza difetti, non esiste un peso ed un’altezza  che possiamo definire perfetti. Questo semplicemente perché ognuno di noi, ha delle opinioni personali, dei punti di vista, dei pensieri e concetti completamente diversi fra loro. Ognuno di noi è differente, ha caratteristiche e particolarità che lo rendono unico.

Puoi essere curvy, con i fianchi morbidi o un décolleté prorompente, puoi essere snella, spigolosa con poco seno, o ancora puoi avere un sedere pronunciato e le cosce importanti, caviglie e polpacci muscolosi, braccia morbide e un busto robusto, qualsiasi siano i tuoi difetti e pregi accetta il tuo corpo e non permettere a nessuno di giudicarlo (famigliari e amici compresi).

stereotipi di bellezza

Al giorno d’oggi siamo invasi da stereotipi di bellezza che hanno come sinonimo magrezza, altezza, ossa che spuntano qua e là, ma le tanto amate curve degli anni 50 non sono comprese.

stereotipi di bellezza

Discutiamo anche per un’istante dell’uomo.

L’uomo che viene identificato di successo e attraente, è muscoloso, robusto, con le spalle larghe e le cosce piene. Di certo non è l’uomo esile o troppo magro quello che vogliamo noi donne, e in questo caso la pubblicità, la televisione, i social e i media nemmeno provano a convincerci del contrario.
Se ci pensi è una delle tante piccole discriminazioni alla donna.

stereotipi di bellezza : uomo

Per quanto riguarda le sfilate una donna per essere scelta, deve avere una 36 con un’altezza minima di 1,75. Gli stilisti si difendono dicendo che con queste misure riescono a far risaltare al meglio la collezione e far notare unicamente l’outfit, rendendo in questo modo la modella un semplice appendino e nulla di più.

stereotipi di bellezza

Ma non ci sono solo loro. Vi sono anche stilisti (pochi)che vanno oltre al fisico e identificano la modella in base ad altre qualità (l’eccessiva magrezza non rientra in queste) creano delle sfilate in cui le loro collezioni si rispecchiano pienamente anche nella modella che indossa le loro creazioni rendendo l’indossatrice parte integrante dello show.

dolce e gabbana

Ma ciò che risulta davvero pazzesco è che nessuno si ricorda la modella, divenuta simbolo dell’anoressia, Isabelle Caro. La pioggia di critiche, le affermazioni sul suo stato di salute compromesso, i giudizi impressionati di quel corpo malnutrito e pelle ossa, i commenti amari e le riflessioni preoccupanti non hanno migliorato la situazione ed oggi, dopo la sua morte, tutto è stato dimenticato.

Fisico perfetto

Purtroppo i media, i social, la moda, la televisione hanno identificato la donna di successo, amata e felice alta, snella, esile e filiforme.

Una ragazza giovane, nel pieno dell’adolescenza, ma anche una donna nel pieno della vita e/o della carriera, non si ricorderà mai di Isabelle, della sua malattia, delle sue foto, e probabilmente non se lo vuole nemmeno ricordare. E come lei anche i media, la moda, la televisione.

Perciò il loro unico scopo sarà quello di riuscire ad avere quel corpo che ammirano ogni giorno e che viene definito perfetto ma la pazienza e la costanza è un miraggio perciò la soluzione più semplice ed immediata diventa quella di non mangiare e passare ore e ore, ogni giorno in palestra.
Purtroppo questo è una conseguenza inevitabile, poiché ogni giorno siamo bombardati di immagini di ragazze e donne più o meno famose con un fisico asciutto, magro e spigoloso che vengono definite perfette perciò si aspira a diventare come loro senza pensare al vero concetto di benessere.

Ma cos’è il benessere?

Il benessere viene da dentro. Non è un’apparenza. Se una donna è formosa, con le curve al punto giusto non vuol dire che non è bella o che non sta bene. Le curve fanno parte delle donne e le donne sono fatte di curve.

Stereotipi di bellezza

Il benessere non è mangiare poco e insano solo per ottenere quel peso (assurdo) sulla bilancia. Il benessere è dato da tante cose e l’attività fisica nella giusta dose, cibo sano con annessi gli strappi alle regole (senza alcun senso di colpa) sono fra queste.

Ti posso affermare che se stai bene con il tuo corpo non modificarlo, non distruggerti mentalmente se non porti una 38, non pensare al giudizio degli altri. È più importate un sorriso, una personalità vera, ma soprattutto un viso che sprigioni benessere rispetto ad un fisico di cui non sarai mai soddisfatta perché dentro di te non ti sentirai mai veramente bene.

Guardati allo specchio e sii obbiettiva. Durante le mie consulenze spesso e volentieri ragazze o donne nel momento in cui gli chiedo quali siano i loro difetti percepiti mi elencano imperfezioni assurde ma sopratutto inesistenti nel loro corpo.

Stereotipi di bellezza

Un esempio? Le cosce che si toccano.

Anche se tu sei convinta del contrario, le foto che scorri sui social, o quelli che sfogli sui giornali sono ingannevoli. Nella migliore delle ipotesi sta nel fotografo catturare quel momento in cui le cosce non si toccano, altrimenti attraverso la fase di editing si utilizza il tanto amato/odiato Photoshop.

Tante le star che si sono avvalse di photoshop per ottenere quell’effetto di thigh up  (spazio fra le cosce) nelle loro foto, e nel contempo tante le adolescenti e donne che si sono sottoposte a diete assurde e operazioni chirurgiche per ottenere “lo spazio fra le cosce”. Da quel momento, soprattutto in america, sono nati veri e propri movimenti anti thigh up, sostenuti da genitori, medici, insegnanti, ma anche da star come Demi Lovato e Ashley Graham.

THIGH UP BEYONCE

Qui capisci che sono stereotipi di bellezza inverosimili, inesistenti ma soprattutto di fantascienza.

Se hai dei difetti che ritieni siano REALMENTE difetti puoi giocare con gli stili, con l’abbigliamento e i suoi accessori. Vedrai che quando troverai lo stile che ti rappresenta e i capi giusti per te farai un figurone qualsiasi siano i tuoi “difetti”.

[su_button url=”https://www.stymage.com/it/personalstyling/” target=”self” style=”default” background=”#ff0000″ color=”#FFFFFF” size=”5″ wide=”yes” center=”yes” radius=”auto” icon=”” icon_color=”#FFFFFF” text_shadow=”none” desc=”” onclick=”” rel=”” title=”” id=”” class=””]SCOPRI I SERVIZI DI PERSONAL STYLING[/su_button]

Non puoi pretendere che gli altri accettino i tuoi difetti e pregi, se sei tu la prima che non vuoi accettarti.

Riconoscendo le tue forme vedrai che inevitabilmente riuscirai a valorizzare la tua immagine perfettamente e attraverso l’abbigliamento nascondi quello che definisci difetti (che siano obbiettivi) ed evidenzia i tuoi pregi, e non provare a dire che non ne hai😏.

Impara a rendere le tue imperfezioni caratteristiche uniche, i tuoi difetti pregi, la tua bellezza una perfetta imperfezione.[:]